Torino, promessa del basket insultata e presa a calci sull’autobus: “Torna al tuo Paese, negra di…”
Promo    

È stata insultata e presa a calci sull’autobus, perché di colore. A 15 anni, da un uomo di 60. È quanto denuncia una ragazza, una promessa del basket italiano, che vive e gioca a Torino. La piccola cestista, papà africano e mamma italiana, ha raccontato ai carabinieri – secondo quanto scrive La Stampa – di aver subito l’aggressione “appena salita sull’autobus” che prende ogni mattina per andare a scuola “senza nessun motivo”: “Un uomo sui sessant’anni mi ha sferrato un forte calcio al ginocchio sinistro”.

“Mi sono spostata, ho tentato di far finta di nulla, ma quell’uomo continuava a fissarmi – ha denunciato – Mi ha detto: ‘È inutile che tu vada a scuola, tanto finirai sulla strada. Torna al tuo Paese…’”. Le frasi sarebbero state condite da parole razziste, insulti e offese. Intorno nessuno è intervenuto. La ragazzina è arrivata a scuola in lacrime, ha telefonato alla madre e ha deciso di denunciare ai carabinieri, sostenuta dal presidente del club di pallacanestro per il quale gioca.

L’uomo ha spiegato al quotidiano torinese: “Denunciare era doveroso. Quell’uomo ha usato espressioni come “negra di…” e termini con cui si indicano in maniera dispregiativa le donne che si prostituiscono”.

 » FONTE: Il Fatto Quotidiano – Leggi tutto >>