Come si lavora ad Amazon. Una giornata nel centro robotizzato di Passo Corese 
Promo    

Alle sei del mattino del 18 settembre 2017 un volume dei Promessi sposi ha rotto il silenzio del centro di distribuzione di Amazon appena inaugurato a Passo Corese, nel Reatino. Arrivava da una casa editrice per finire sui carrelli del primo centro semi robotizzato di Amazon in Italia. Il volume ha fatto ronzare per la prima volta il nastro trasportatore dei pacchi, percorrendo una parte dei 14 chilometri di carrelli che disegnano gli spazi del centro. Ha incontrato le prime mani di un operatore e attivato il primo robot muovendosi secondo i disegni dell'intelligenza artificiale per i 65 mila metri quadrati del centro. Un'area pari a dodici campi di calcio. Fino ai primi anni del duemila su questa collina del Reatino non c'erano che stalle e uliveti. Alcune centinaia di ulivi sono rimasti, li ha voluti Amazon: 250 alberi da olive della qualità di Fara Sabina.

È in questo centro di distribuzione che Amazon sta sperimentando in Italia il delicato abbraccio fra robot e uomo. Anzi, per usare le parole del manager responsabile del centro, Tareq Rajjal, fra robot e 'umani'. “Questo di Passo Corese è un centro di distribuzione di assoluta avanguardia”, spiega all'Agi Rajjal,

 » FONTE: AGI.IT – Leggi tuttu >>