Scandalo Oxfam, Medici senza frontiere: “L’anno scorso 24 casi di abusi e molestie nelle nostre strutture. 19 licenziati”
Promo    

Dopo lo scandalo sessuale che ha coinvolto Oxfam, altre ong scelgono la strada della trasparenza e “autodenunciano” casi di molestie e abusi avvenuti nelle loro strutture. In particolare Medici senza Frontiere ha reso noto che nel 2017 il quartier generale dell’organizzazione ha ricevuto 146 denunce o segnalazioni molte delle quali riguardanti abusi di potere, discriminazioni, molestie e altre forme di comportamenti inappropriati. Quaranta “sono state identificate come abuso e/o molestia a seguito di un’indagine interna” e “di questi 40, 24 erano casi di molestie o abusi sessuali“, aggiunge Msf. Si è trattato dunque di episodi che hanno coinvolto collaboratori della ong e non prostitute locali, a volte minorenni, come nel caso di Oxfam ad Haiti.

Msf ha spiegato che diciannove persone sono state licenziate mentre gli altri membri del personale sono stati sanzionati in altri modi. “La nostra leadership si è impegnata inequivocabilmente a combattere gli abusi”, aggiunge l’organizzazione umanitaria. “Non tolleriamo nessun abuso fisico o psicologico contro individui, molestie sessuali, relazioni sessuali con minorenni, né nessun altro tipo di comportamento che non rispetti la dignità umana“, afferma Medici senza frontiere, ricordando che “la ong “promuove un ambiente di lavoro libero da molestie e abusi”.

 » FONTE: Il Fatto Quotidiano – Leggi tutto >>